URŠA KRHIN

1. Introduzione

L’azienda Pr’Martinovh è una fattoria di 26 ettari con un allevamento di bestiame (bovini, polli, maiali e conigli). Attualmente in azienda vivono quattro persone – il successore Urša Krhin, suo padre e sua madre (i predecessori) e suo nonno (il precedente predecessore). Urša ha anche una sorella, ma prima che avvenisse la successione questa sorella ha lasciato la fattoria per andare a vivere nella fattoria del marito a 180 km di distanza. Urša e i suoi genitori sono tutti occupati in azienda a tempo pieno e svolgono da soli la maggior parte del lavoro. Occasionalmente ricevono l’aiuto di altri membri della famiglia che vivono fuori della fattoria, in particolare, di un cugino che vive lì accanto.

2. Profilo del Promotore

Nome Urša Krhin
Età 31
Sesso F
Istruzione Organizzazione di attività di ospitalità e turismo, Qualifica Professionale di allevatore, numerosi corsi di formazione sulla trasformazione dei prodotti lattiero-caseari (informali), allevamento biodinamico.
Marital Status Nubile
Numero di figli 0

3. Profilo dell’azienda agricola

Indirizzo Gorenje Gradišče 7, 8310 Šentjernej, Slovenija
Superficie dell’azienda in ettari 26 ha
Data da queo la famiglia possiede la fattoria più di 450 anni
Nº di lavoratori in azienda (Membri della famiglia) 3 (Tempo pieno) 1 (Part time)
Nº di lavoratori in azienda (Non appartenenti alla famiglia) 0

DESCRIZIONE DELLA FATTORIA PRIMA DELLA SUCCESSIONE

La fattoria è stata di proprietà del predecessore (i.e. il padre) a partire dal 2000, cioè da quando questi succedette a suo padre. Prima dell’ultima successione, nell’azienda agricola c’erano vacche da latte, maiali, conigli e polli, ed anche un piccolo vigneto. Nel 2000, l’azienda divenne un agriturismo in cui si offrivano specialità culinarie e alloggio. Inoltre, su piccola scala (per i propri bisogni), trasformavano la carne (salumi, ecc.) e il latte. La forza lavoro della fattoria consisteva nella madre e nel padre e nelle loro due figlie.

DESCRIZIONE DELLA FATTORIA DOPO LA SUCCESSIONE

Dopo la successione più recente, la fattoria è stata convertita all’agricoltura biologica (ad eccezione del vigneto, in quanto ubicato in un luogo nebbioso e umido in cui è molto facile che si sviluppino delle malattie). Inoltre hanno realizzato un mattatoio con un reparto per la trasformazione della carne e un reparto per la trasformazione del latte. Gli investimenti più importanti sono stati effettuati negli impianti per la trasformazione del latte e in altri macchinari per la fattoria (un nuovo trattore e una rotopressa). Ora vendono i loro prodotti nel proprio negozio di fattoria e nei mercati e nelle fiere. Forniscono i loro prodotti lattiero-caseari anche a scuole e asili. Nella famiglia c’è una chiara divisione del lavoro, con la figlia-successore responsabile della trasformazione dei prodotti lattiero-caseari, il padre responsabile dell’allevamento e la madre responsabile dell’agriturismo.

4. Processo di Successione

Il predecessore propose di trasferire la fattoria alla figlia maggiore per garantire che l’azienda continuasse ad esistere e per ottenere finanziamenti dalla misura PAC / PSR per i giovani agricoltori. Il successore aveva alcune perplessità sulla successione che riguardavano le sue capacità e competenze nella gestione della fattoria. Il predecessore invece non aveva nessun dubbio. Tutta la famiglia, ad eccezione del nonno, partecipò alla discussione e al processo di successione. Dal momento in cui hanno cominciato a pensarci, per completare il processo di successione c’è voluto circa un anno. Per finalizzare il processo, che è stato completato con l’aiuto di un consulente agricolo, hanno aspettato il primo bando per la misura dei giovani agricoltori.

Minacce/Sfide

Il successore deve avere una chiara visione riguardo a dove investire il denaro, altrimenti è molto più difficile continuare l’attività agricola con buoni risultati.

La burocrazia è decisamente un problema, soprattutto quando in azienda si svolgono molte attività diverse, in quanto ciascuna di esse deve essere registrata separatamente.

 

Formazione/Capacità/Competenze principali

Migliore conoscenza della misura per i giovani agricoltori - supporto e corsi di formazione erogati dal servizio di consulenza agricola.

Competenze di pianificazione aziendale: quando si inizia a pianificare una successione è bene avere visione e obiettivi chiari e essere in grado di trasformarli in un buon piano aziendale. Quindi, è molto importante avere competenze nella pianificazione aziendale.

 

"Avere visione e obiettivi chiari riguardo a ciò che si vuole fare con la propria azienda."

URŠA KRHIN

5. Considerazioni, capacità/competenze richieste nel processo di successione e Quesiti/Domande

TORNA SU