VLADIMÍR PEŠTA

1. Introduzione

La famiglia Pešta ha lavorato nella propria fattoria per diversi decenni. I genitori del successore hanno ripristinato la fattoria per l’attività agricola nel 1992, dopo la collettivizzazione. Le attività principali dell’azienda sono l’allevamento di bestiame bovino e la coltivazione di mais, trifoglio, legumi, frumento, orzo e triticale. Oltre ai bovini, allevano cavalli, capre, conigli e pollame e curano le api. Nel 2010, la fattoria ha vinto il terzo posto nel concorso della Fattoria dell’Anno. Nel 2012 la famiglia ha organizzato una festa della fattoria per famiglie con bambini.

2. Profilo del Promotore

Nome Vladimír Pešta
Età 32
Sesso M
Istruzione Engineer (Master)
Marital Status married
Numero di figli 2: 4 e 2 anni

3. Profilo dell’azienda agricola

Indirizzo Nedrahovice – Bor, střední Čechy
Superficie dell’azienda in ettari 100 ettari
Data da queo la famiglia possiede la fattoria 1654, 40 anni di collettivizzazione – fino al 1992 – in seguito ripresa della fattoria
Nº di lavoratori in azienda (Membri della famiglia) 2 brothers (Tempo pieno) 0 (Part time)
Nº di lavoratori in azienda (Non appartenenti alla famiglia) 0 (Tempo pieno) 0 (Part time)

DESCRIZIONE DELLA FATTORIA PRIMA DELLA SUCCESSIONEN

Anticamente (1654) nel loro villaggio c’erano cinque famiglie rurali. Durante il processo di collettivizzazione, solo alla loro famiglia fu permesso di restare nel villaggio per nutrire il bestiame della fattoria collettivizzata, a differenza delle altre famiglie, che furono costrette a trasferirsi altrove. Quarant’anni dopo la violenta presa di possesso della fattoria, il padre del successore chiese la restituzione e con grande aiuto della moglie (madre dell’attuale proprietario) cominciò a lavorare sui 20 ettari di terreno restituito. La famiglia acquistò una vecchia stalla dietro l’azienda per iniziare ad allevare bovini da latte. In seguito, hanno ricostruito la stalla, hanno acquistato altre 30 giovani vacche gravide (Holstein), hanno affittato altri 22 ettari di terreno e successivamente ancora altri 31 (in totale 73 ettari), che hanno lavorato fino al 2014.

DESCRIZIONE DELLA FATTORIA DOPO LA SUCCESSIONE

Dopo la successione hanno potuto acquisire più ettari (27), per essere in grado di nutrire il bestiame per tutto l’anno. Da allora Vladimír ha lavorato per sostituire i vecchi macchinari con macchinari nuovi. Sostanzialmente, non ci sono stati cambiamenti importanti nella gestione della fattoria, in quanto i suoi genitori erano principalmente concentrati sui bovini da latte e questo orientamento continuerà con lui.

 

 

 

 

4. Processo di Successione

Vladimír Pešta si è laureato all’università di Scienze Agrarie di České Budějovice nel 2008 e il 1 agosto ha presentato domanda di registrazione presso l’ufficio per il rilascio della licenze di commercio per ottenere un documento di identità per la sua impresa. Ha presentato domanda per il programma di sovvenzione “Giovani agricoltori/agricoltori in fase di avviamento” nell’autunno 2008. Nell’agosto 2009, suo padre ha fatto domanda per il “Programma di pensionamento anticipato dall’agricoltura”. In questo modo, ha soddisfatto la condizione seguente per ricevere la sovvenzione e ha assunto la gestione della fattoria entro 36 mesi dalla domanda.

Minacce/Sfide

 Not in their case but he mentioned some possible obstacles:

In generale, può verificarsi un problema quando i figli non vivono più nella fattoria e, quindi, hanno uno scarso legame con essa. Se cominciano a lavorare altrove e hanno un buon lavoro, è difficile che lo lascino. La cosa migliore è crescere nella fattoria e iniziare a lavorare lì. Anche l’età del predecessore svolge un ruolo cruciale. Il pensionamento è ideale appena il successore è in grado di subentrare e gestire completamente la fattoria. Altri ostacoli sono gli aspetti fiscali durante la cessione delle proprietà. Il predecessore dovrebbe consegnare la fattoria al successore e lasciare che il successore la conduca a modo suo (non controllare tutto).

Formazione/Capacità/Competenze principali

Istruzione per acquisire abilità nell’agricoltura (Università), altrimenti nessuna istruzione specifica per la successione aziendale. Capacità di innovazione perdifferenziarsi dai concorrenti.

 

 

 

 

Vladimir raccomanda di leggere attentamente i termini del documento per la successione e, eventualmente, di modificarli se non è necessario seguire un piano specifico. Inoltre, non bisogna sottovalutare la preparazione dei contratti relativi all’acquisto dell’impresa, al trasferimento dei macchinari, dei terreni e dei fabbricati. Un punto importante è anche la “continuità delle generazioni”, idealmente la successione dovrebbe avvenire in modo naturale come in questo caso: Vladimir Pešta ha terminato l’Università e ha potuto iniziare a lavorare immediatamente, mentre suo padre ha presentato la domanda per il “Programma di pensionamento anticipato dall’agricoltura” e, di conseguenza, ha potuto iniziare a coltivare i suoi hobby. 

VLADIMÍR PEŠTA 

5. Considerazioni, capacità/competenze richieste nel processo di successione e Quesiti/Domande

TORNA SU